Arrivo Francesco

e-mail: f.arrivo@gmail.com

docente di : SCENOGRAFIA I
                     LANDSCAPE DESIGN

 

Programma Scenografia I a.a.2017.2018

 

Francesco Arrivo


Francesco Arrivo si dedica alla scenografia, alla pittura, all’arredamento, alle possibilità offerte dai linguaggi visuali.

Come scenografo si è dedicato per svariati anni, a partire dal 1990, a una collaborazione quasi stabile con Telenorba, una superstation televisiva, ossia una emittente locale con ampia copertura territoriale, una realtà come tante altre disseminate su tutto il territorio nazionale che lui considera affascinanti luoghi di sperimentazione ricchi di potenzialità ancora inesplorate ed inespresse. In quegli anni ha firmato una moltitudine di scenografie fra le quali ricordiamo, anche per il grosso riscontro da parte del pubblico, quelle per i programmi del duo comico Toti e Tata: Teledurazzo, Il Polpo, Extra TV, Televiscion, Love Store. Altre scenografie, sempre per Telenorba: Catene (diverse edizioni), Battiti (diverse edizioni) Piazza d’Uomo, Doctor (diverse edizioni), Scatola Nera, Vai in Goal, Domenica in Rete (diverse edizioni), Telegiornali (diversi allestimenti), Voto Finish, Tg dei Ragazzi, Lavori in Corso, Le Trasmissioni Riprenderanno…, ESP, Legami, Al di Là, Occhi di Donna, e molti altri progetti.

Dopo aver avuto esperienze di insegnamento all’Accademia di Belle Arti di Firenze e presso quella di Roma, dal 2002 al 2015 è stato docente presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia, dove ha tenuto il corso di Scenografia per la Televisione, per il biennio, e i due corsi di Scenografia Multimediale, in seguito Drammaturgia Multimediale, e di Pratica e Cultura dello Spettacolo, per il triennio. Nel 2014 ha attivato anche il corso di Teoria e Pratica del Disegno Prospettico presso l’Accademia di Belle Arti di Bari. In seguito ha insegnato Scenografia presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli e presso quella di Bari.

Nel febbraio 2013 ha tenuto presso il museo Punta della Dogana a Venezia, per il ciclo di incontri L’Opera Parla, una conferenza/dibattito dal titolo Edward Kienholz: essere artisti per cambiare il mondo.

Nell’ottobre 2013 ha curato la scenografia per La finta semplice di W. A. Mozart (regia Elisabetta Courir, produzione As.Li.Co. Milano), in scena al Teatro Sociale di Como, al Teatro G. Fraschini di Pavia e al teatro Ponchielli di Cremona. Lo spettacolo ha ricevuto larghi consensi sia da parte del pubblico sia della critica, e sul numero di gennaio 2014 della rivista mensile L’Opera è stata pubblicata una recensione di Sabino Lenoci, che elogiava l’intero spettacolo e sottolineava il valore dell’allestimento scenografico.

Nel novembre 2014 ha progettato le scenografie per il cortometraggio L’ombra di Caino, regia di Antonio De Palo. Il corto ha partecipato al Bif&st 2016 e sta continuando a partecipare ad altri festival e concorsi internazionali riscuotendo consensi.

Nel maggio 2014 ha esposto una collezione di suoi dipinti, in una personale di pittura dal titolo Simply Flowers, presso la galleria Formaquattro Arte sita in via Argiro a Bari.

Ha progettato per il Teatro Petruzzelli di Bari le scenografie per Aladino e la sua Lampada, opera per ragazzi composta dal maestro Nicola Scardicchio su libretto di Marinella Anaclerio, regista dello spettacolo. L’opera è andata in scena nel periodo Marzo/Aprile 2017.